Il mio contatto
Seleziona luogo

Dopo aver selezionato il codice postale e la categoria di prodotto, vi indicheremo immediatamente la persona di riferimento per la vostra zona.

Guasti frequenti dei cavi in applicazioni dinamiche

Rottura del conduttore  

Rottura del conduttore

La rottura di un conduttore compromette la conduttività elettrica del cavo a causa di fili di rame rotti. Ciò è dovuto a carichi meccanici sul singolo conduttore in seguito a uno sforzo di flessione costante.
 
Nella maggior parte dei casi la rottura di un conduttore è dovuta a fili intrecciati inadeguati e/o a una direzione e una lunghezza errate del passo. Usare cavi intrecciati molto sottili offre maggiore flessibilità, ma può causare rotture nel lungo termine. igus® si concentra sulla combinazione ottimizzata di diametro del singolo trefolo e di direzione e lunghezza del passo, risultato di prove di lunga durata nel laboratorio di prova igus®.

Effetto cavatappi  

Effetto cavatappi

L'effetto cavatappi causa una deformazione elicoidale visibile esternamente dell'intero cavo dovuta alla rottura di fili di rame intrecciati. Ciò avviene se il singolo conduttore è sottoposto a carichi meccanici durante il processo di curvatura. L'effetto cavatappi deriva da una struttura difettosa del cavo. I conduttori avvolti in strati con guaina esterna estrusa come un tubo o un conduttore mancante possono causare problemi in questo caso. Inoltre, un'applicazione al di fuori dei parametri definiti (raggio di curvatura troppo stretto, corsa troppo lunga) può causare l'effetto cavatappi.
 
Per evitare l'effetto cavatappi igus® si affida a per cavi con oltre 12 conduttori. I conduttori vengono cordati in modo che tutti i conduttori si muovano nel raggio interno ed esterno del cavo curvato molte volte con spaziature identiche. Le forze di tensione e compressione vengono così ridotte al minimo, per una durata d'esercizio significativamente maggiore del cavo.

Danno dell'isolamento  

Danno dell'isolamento

Con i cavi elettrici un danno dell'isolamento può provocare dei cortocircuiti. Le cause possono essere l'usura del materiale in seguito a uno sforzo di flessione costante o l'usura del materiale all'interno della struttura del cavo. La rottura di singoli fili intrecciati del conduttore o dell'intreccio della schermatura provocano una perforazione dell'isolamento.
 
Per evitare danni all'isolamento dei conduttori vengono impiegati materiali come TPE o PVC, poiché non si attaccano tra loro. Nel laboratorio di prova igus® i materiali dell'isolamento vengono testati in milioni di cicli di prova.

Danno della guaina  

Danno della guaina

Il rigonfiamento o la rottura della guaina è indice di un danno della guaina esterna di un cavo. La guaina diventa molle e si deforma o si rompe, rendendo visibili i conduttori o la schermatura. Una causa può essere l'errata selezione dei materiali rispetto agli oli o alle sostanze chimiche impiegate. Anche una temperatura ambiente troppo bassa e inferiore a quella minima indicata nella scheda tecnica può provocare la rottura della guaina. Non appena si verifica il rigonfiamento o la rottura della guaina, è necessario sostituire immediatamente il cavo.
 
Per evitare che la guaina si rompa, è consigliabile prestare particolare attenzione all' e alla del cavo. Se i cavi vengono usati in assenza di oli, sono sufficienti cavi in PVC non resistenti agli oli, purché la temperatura ambiente permanente sia superiore a 5 °C. In caso di contatto con gli oli, raccomandiamo cavi chainflex® con guaina esterna in PUR o TPE. I cavi con guaina in TPE sono resistenti agli oli biologici. La resistenza agli oli di tutti i cavi chainflex® è garantita in conformità agli standard DIN. Questi sono anche idonei per temperature di -25 °C (PUR) o persino -35 °C (TPE) per l'impiego permanente in una catena portacavi.

Rottura del filo schermato  

Rottura del filo schermato

La rottura del filo schermato si verifica quando l'intreccio della schermatura, che assicura la protezione EMC del cavo, si rompe. Le conseguenze della rottura comprendono un ridotto effetto di schermatura e cortocircuiti, qualora le estremità taglienti dei fili penetrino attraverso il tessuto o le lamine fino ai conduttori. Spesso ciò è dovuto a un angolo di intreccio inadeguato. Se una volta rimosso l'isolamento è possibile ripiegare facilmente la schermatura sopra la guaina, ciò indica che la schermatura non è idonea per l'impiego in sistemi di alimentazione di energia.
 
Per evitare rotture della schermatura, igus® ha effettuato prove di lunga durata determinando che l'ideale per cavi usati in catene portacavi è un il più corto possibile. Questo angolo neutralizza le forze di trazione, rivelandosi più adatto alle catene portacavi. La stabile guaina interna offre ulteriore protezione, affinché la schermatura non si sposti.